I colori del parafango negli anni ’60

’56 Ford Thunderbird en Fiesta Red.

Negli anni ’50, il fascino dell’America per l’auto è salito alle stelle, in gran parte a causa del boom economico del dopoguerra del paese. Di conseguenza, le case automobilistiche hanno iniziato a offrire ai loro prodotti finiture sempre migliori. Oltre ai lussuosi interni, agli interruttori e ai pulsanti, uno degli elementi chiave della crescita della popolarità della vettura era la sua vernice. Produttori in competizione per offrire una vasta gamma di colori disponibili.

I produttori di chitarre hanno approfittato di questa spinta per capitalizzare il culto dell’automobile (e dei suoi numerosi colori). Quale modo migliore per rendere la chitarra elettrica un oggetto di simile desiderio, che simboleggia l’inizio di una nuova era di libertà e innovazione?

Indipendentemente dal motivo, i colori personalizzati sono una caratteristica essenziale (e talvolta molto apprezzata) di molti strumenti classici oggi, sebbene le loro origini non siano sempre adeguatamente documentate.

Dal punto di vista di un chitarrista, una finitura “personalizzata” non significa necessariamente una finitura colorata, ma una finitura non standard su un determinato modello. Ad esempio, negli anni ’50, la finitura bionda era standard su Fender Telecaster ed Esquire, ma divenne un’opzione personalizzata sulla Stratocaster (dove la finitura normale era Sunburst). Qualsiasi finitura può essere personalizzata o meno, a seconda della marca / modello. Nel 1952, la finitura Les Paul Gold era standard su Gibson, ma ottenerne una su una Telecaster avrebbe dovuto essere fatto su richiesta.

Le finiture personalizzate dei colori apparvero sugli strumenti Fender molto prima che venisse lanciata la prima cartella colori dell’azienda nel 1960. La possibilità di un colore DuPont Ducco disponibile a discrezione dell’acquirente ad un costo aggiuntivo del 5% “apparve da La prima volta sulle schede tecniche Stratocaster e Bass Precision intorno al ’56, ma le richieste dei clienti per finiture non standard risalgono ai primi anni ’50.

I colori personalizzati utilizzati da Fender provenivano dall’industria automobilistica per tre motivi principali: c’erano molte tonalità tra cui scegliere, poiché i colori erano un punto di forza per la differenziazione delle auto molto prima che venisse imposta anche alle chitarre; Le vernici per auto sono adatte per un ambiente industriale, sono facili da applicare e si asciugano rapidamente; e infine, erano facili da trovare.

’52 Esquire con finitura originale Cooper

È difficile identificare con precisione quali colori sono stati utilizzati negli strumenti Fender prima del 1960, in parte a causa del gran numero di colori di vernice automobilistica disponibili al momento, ma anche per l’effetto dell’invecchiamento su questi colori. È anche impossibile determinare se un cliente ha richiesto specificamente un determinato colore o se è stato effettivamente scelto da Fender per abbinare una richiesta, ad esempio, una chitarra rossa o verde. La compagnia desiderava differenziarsi dai suoi concorrenti utilizzando finiture insolite sulle chitarre, come dimostrano lo stratocaster in oro 54 di Eldon Shamblin, il rosso di Pee Wee Crayton o i colorati modelli Precision Bass presentati nel ’55. Detto questo, negli anni ’50 gli strumenti Fender con una finitura cromatica personalizzata diversa dalla bionda rimasero una cosa rara.

Nel 1960, il primo anno in cui Fender pubblicò una cartella colori, limitò il numero di colori disponibili dalla fabbrica a 14 tonalità (oltre a Bionda). La grafica fu modificata nel ’63, quando Candy Apple Red sostituì Shell Pink, e di nuovo nel ’65, quando furono incluse sei nuove tonalità metalliche. L’azienda si è presa la briga di specificare l’effettivo codice di vernice per ciascun colore come indicato dal suo fornitore preferito, DuPont, sebbene le stesse vernici per auto fossero effettivamente disponibili da altri fornitori come PPG / Ditzler o ACME / Rogers.

A parte il nero, la cartella colori di Fender del 1960 riflette una forte tendenza verso GM, con 10 colori su 13, e in particolare verso Cadillac, con cinque colori. Nel ’65, questa tendenza fu in qualche modo mitigata, poiché quattro nuovi colori metallici arrivarono dalla Ford, ma Cadillac continuò a regnare con sei. Nessuno può dire se la selezione del colore fosse basata sulle precedenti scelte del cliente o sulle preferenze di Fender.

(SINISTRA) 1958 Aztec Gold Stratocaster (CENTRO) Questo basso di precisione è un colore chiamato Pompano Peach, (DESTRO) Daphne Blue è uno dei tanti colori presi da Cadillac: qui in un ’63 Strat con finiture in oro.

Quando la prima grafica fu pubblicata nel 1960, solo Olympic White e Shoreline Gold erano ancora offerti in auto nuove. Le case automobilistiche cambiano spesso il loro nome, ma senza necessariamente alterare in modo significativo il loro colore. Ad esempio, il blu Lake Placid del 1957 di Cadillac non è così diverso dal blu Georgia, che lo sostituì nel ’59, o il blu Pelham, che gli successe nel ’60.

(A SINISTRA) Un 1969 Swinger in Candy Apple Red. (A DESTRA) Un ordine personalizzato ’61 Stratocaster in Sherwood Green, un colore Ford del 1957 che Fender usò fino al 65.

Il culto di alcuni di questi dipinti nel regno della chitarra di oggi è un paradosso interessante data l’obsolescenza programmata costruita nella maggior parte delle aziende industriali, incluso, ovviamente, l’industria automobilistica. Per ragioni commerciali e / o industriali, Fender iniziò a restringere la sua scelta di colori nel ’69, quando ne furono abbandonati sei, tra cui classici vintage come Fiesta Red, Dakota Red e Foam Green.

Nel ’72, altri quattro furono gradualmente eliminati man mano che gli strumenti di finitura naturale diventavano sempre più di moda. Passerebbe circa un decennio prima che l’introduzione di ristampe vintage riaccendesse la moda e spingesse i colori personalizzati a livelli senza precedenti. Di seguito sono riportate le tabelle dei colori dei parafanghi originali e le tabelle delle case automobilistiche dell’epoca.