Covid e Rock oggi

In che modo la pandemia ha influenzato il mondo della chitarra?

Quando i più grandi credenti del rock sostenevano qualche tempo fa che la chitarra non sarebbe mai morta, pochi gli hanno creduto mentre le vendite di marche come Fender e Gibson cadevano sempre di più. Quest’ultimo ha persino dichiarato bancarotta ed è entrato nel private equity per cercare di rimettersi in piedi.

Le vendite di chitarre stavano crollando, a causa dell’aumento di artisti e gruppi in cui lo strumento non era il protagonista. Si potevano sentire frasi di illustri musicisti come “la chitarra è finita” o “la morte lenta della chitarra elettrica”.

Ma il 2020 è arrivato e con esso è arrivata la pandemia che, nella maggior parte dei settori, ha dato un grande colpo a tutti i settori economici. Ma la chitarra è stata in grado di adattarsi, soprattutto grazie alla facilità di distribuzione e vendita attraverso internet e approfittando del tempo libero disponibile in reclusione.

Passare così tanto tempo a casa ha risvegliato vecchi hobby, sogni e creatività, che aggiunti alla facilità di apprendimento su internet con corsi online gratuiti e tutorial ha riportato la chitarra alla ribalta.

Fender ha annunciato che il 2020 è stato il più grande anno di vendite della sua storia, Gibson ha raddoppiato la sua capacità di produzione e aumentato la sua forza lavoro per far fronte all’aumento del volume delle vendite, aiutato dalla nuova aggiunta del CEO James Curleigh che ha ripreso le caratteristiche tradizionali della chitarra Gibson..

Il messaggio finale più importante è che “molti degli acquirenti di chitarre sono giovani“, quindi possiamo dire che “Guitar and Rock never dies”.