Vernici alla nitrocellulosa: tutto ciò che devi sapere

Cosa è vero in tutti i discorsi sulla nitrocellulosa? E perché i chitarristi vogliono ancora che i loro strumenti siano finiti con questo materiale?


Clarence ‘Leo’ Fender sarebbe perplesso dall’attuale mercato della chitarra. La leggenda narra che guardava sempre al futuro; Che la tua prossima chitarra e i processi utilizzati per farlo migliorerebbero sempre sull’ultima.

Dopo la prima produzione di Leo 65 anni fa, molti chitarristi ed esperti credono appassionatamente che la nitrocellulosa a base di solvente vecchio stile e con pareti sottili sia la migliore per il “tono”


Nitro è più problematico e richiede più tempo per essere applicato rispetto a più finiture attuali come poliestere o poliuretano ed è meno resistente, il che significa che è molto più probabile che la chitarra abbia qualche danno estetico durante il suo viaggio attraverso la catena di fornitura e, naturalmente, nell’uso del suo proprietario.

Chi vorrebbe danneggiare la propria chitarra?

Sono sicuro che Leo con il suo carattere imprenditoriale e produttivo cambierebbe questo processo per finiture più moderne per migliorare la produzione, ma sarebbe meglio per il “tono”?

I detrattori sostengono che è pura nostalgia, gli amanti di quella finitura assicurano che:

“La chitarra invecchia meglio e continuerà a” curarsi “per gli anni a venire, poiché il solvente nel finale continua a evaporare e indurirsi”

Ad ogni modo, i fatti sono che Fender ha usato sia la vernice acrilica che nitrocellulosica tra il 1950 e il 60 Standard e finiture con colori personalizzati.

Originariamente sviluppato per le auto dell’epoca, è possibile identificare quale sia quale dai codici di vernice Dupont associati, che sono definiti con ‘Lucite’ (acrilico) o ‘Duco’ (nitrocellulosa).

Lake Placid Blue (Lucite 2876-L), ad esempio, è acrilico, mentre Sonic Blue era nitrocellulosa (Duco 2295). Le finiture traslucide erano sempre nitro, ma non tutti i colori avevano finiture traslucide; Se vedi uno Strat bianco con una sfumatura di giallo, ad esempio, probabilmente ha un chiaro strato di nitrocellulosa. Se sembra ancora molto “bianco”, è probabile che non ci sia il top coat.

Lo stesso effetto si verifica sulle chitarre finite nel Lake Placid Blue che possono apparire più verdi con l’età. In effetti, le vernici acriliche sono state sviluppate perché erano più resistenti all’ingiallimento e non si rompevano come le finiture alla nitrocellulosa. Le finiture nitro, tuttavia, avevano una lucentezza molto più intensa.

informazioni finite in nitrocellulosa

Due Lake Placid Blue Jazzmasters degli anni ’60 – ma la chitarra sinistra ha un top coat nitro, che si è ingiallito nel tempo

Nitrocellulosa e il passare del tempo

I componenti di nitrocellulosa e acrilico devono essere miscelati con solvente per essere opportunamente spruzzati su una chitarra o addirittura su un’automobile.

Una volta applicata in più mani per giorni (ognuna si fonde con la successiva, eliminando notevolmente la necessità di carteggiare gli strati), si lascia asciugare la chitarra prima di lucidarla. Come ormai sappiamo, quella chitarra avrebbe continuato a “curarsi” per gli anni a venire, mentre il solvente nel finale continuava a evaporare e indurirsi.

Su alcune chitarre, non è mai stato così e la finitura è liscia, ma se guardi molti Fender degli anni ’50 o dei primi anni ’60 di oggi, la finitura è spesso estremamente sottile e quasi fusa con il legno.

Le differenze nei prodotti chimici e nei pigmenti colorati oggi utilizzati a causa dei requisiti ambientali rendono le chitarre Fender tra 50 e 65 così preziose e da collezione.

“Le moderne finiture nitro non sono esattamente come una volta, anche se differiscono un po ‘, ma sono sempre migliori per il suono rispetto alle attuali finiture in poliestere di molte chitarre serie”

Come risultato dei requisiti ambientali dei diversi paesi per le fabbriche di chitarre, insieme alla necessità di ridurre i costi di produzione, molti di essi (incluso Fender) hanno optato per finiture più moderne e attuali come poliuretani e poliestere.

Il rovescio della medaglia è che non sembrano o sembrano finiture vintage, e certamente non invecchiano come fanno – hai mai provato a “reliquia” sul poliestere moderno? È come graffiare il vetro.

Molte persone lo vedrebbero come un grande vantaggio – incluso il compianto Leo Fender – perché la sua chitarra è ancora brillante e nuova, sembra molto più lunga. Per alcuni, tuttavia, una chitarra senza finitura nitrocellulosica non è una chitarra.

Le moderne finiture in nitrocellulosa di Fender non sono esattamente le stesse di quelle vecchie. Ci sono centinaia di discussioni in forum internazionali su sottofondi e sottopelo in poliuretano e poliestere sotto nitrocellulosa … il cosiddetto (Fender fullerplast)

Fender afferma che il processo di finitura utilizzato nei nuovi strumenti di Ensenada è un rivestimento / sigillante in poliestere, seguito da cinque mani di lacca nitrocellulosica Seagrave L-4540 ad alto solido per colori e finiture.

Allora perché la nitrocellulosa?

Eliminando completamente le finiture in poliestere, una buona finitura in poliuretano con il giusto spessore può darci un buon suono con una finitura resistente.

Ma se vogliamo il look vintage delle vecchie finiture Fender e il nostro strumento che invecchia progressivamente, abbiamo sicuramente bisogno di una finitura nitrocellulosica.

Secondo me, la nitrocellulosa:

“Suona meglio, invecchia meglio e si sente meglio”

Infine, vorremmo menzionare i prodotti che offriamo sul nostro sito web, appositamente progettati per il legno della chitarra, con loro si otterrà un risultato di qualità se si seguono i passi come dettagliato in questo articolo del nostro blog.